Considerazioni sul verde cittadino di Chiasso

IMG_1443Chiasso in questi ultimi anni sta avendo un grande fermento edilizio. Nel cuore della città ci sono ormai vari cantieri e altri verranno aperti in futuro.

Non ci hanno lasciato indifferenti le ricorrenti notizie di tagli di piante: prima, il taglio presso il parcheggio Comacini all’interno di un cantiere privato; poi, l’abbattimento – e seguente rimpiazzo – del cedro quasi secolare presso la Scuola di Commercio, deciso dal Cantone perché le radici arrivavano ai muri portanti e quindi risultavano essere potenzialmente pericolose; infine, pochi giorni fa, il taglio di una magnolia grandiflora alla dogana di Chiasso Strada, anche in questo caso su decisione cantonale, in nome del nuovo assetto viario.

Vorremmo precisare che, per quanto concerne quest’ultimo caso, il progetto di Piazza Elvezia ha seguito tutto l’iter (pubblicazione, ecc.) su di un arco di circa 20 anni. Non si è trattato perciò di una sorpresa dell’ultimo minuto. Inoltre, si è dovuto anche tenere conto del fatto che costruendo la strada attorno alla pianta si sarebbero ugualmente danneggiate le radici, rendendola di conseguenza un pericolo per le persone e per i mezzi che transitano nelle vicinanze ogni giorno. Comprendiamo che se una pianta è malata, non sicura per la popolazione o problematica per la circolazione, debba essere tolta.

Pertanto, da parte nostra auspichiamo che, quando i progetti coinvolgono interventi riguardanti il verde cittadino, questi vengano maggiormente evidenziati dai vari attori al fine di favorire la ricerca di soluzioni e informare i cittadini; ciò sia nel rispetto del verde cittadino sia in accordo allo sviluppo urbano.

Infine, essendo il progetto della nuova Piazza Elvezia non ancora ultimato, suggeriamo di creare una zona verde: un piccolo polmone verde come benvenuto in Svizzera. Gli alberi sono una parte essenziale del nostro benessere, con un importante valore storico e culturale.

I Consiglieri Comunali PLR Chiasso
Barbara Vannin
Carlo Coen
Mariano Musso
Davide Capoferri
Antonio D’Incecco
Paolo Zürcher
Laura Stoppa
Daniele Godenzi
Alessandra Medici Bianchi
Walter Baumgartner
Claudio Ortelli
Antonio Vaghi

(pdf)